La prima pianificazione - Il D-Day (ipertesto)

Cerca
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Vai ai contenuti

Menu principale:

La prima pianificazione

I piani
Perché gli Alleati potessero dedicare tutta la propria attenzione a un attacco su larga scala in Europa era necessario attendere la positiva conclusione della campagna in Nord Africa; ma in occasione della Conferenza di Casablanca, nel gennaio 1943, i Capi di Stato Maggiore ritennero che fosse giunto il momento almeno per studiare i piani tattici relativi alle operazioni necessarie ad attraversare La Manica. Il punto principale riguardava la pianificazione per un assalto su vasta scala da lanciare contro il continente il più presto possibile nel corso del 1944. Si era tenuto conto anche  della possibilità che il ritorno nel continente potesse avvenire nel 1943, ma una revisione delle forze statunitensi e del Regno Unito dimostrò che questo sarebbe impossibile e che nessun attacco su larga scala avrebbe potuto essere effettuato prima del 1944.

In attesa della nomina di un comandante supremo delle forze alleate, i Capi di Stato Maggiore nominarono il tenente generale Sir F.E. Morgan come Capo di stato maggiore dell Comandante Supremo (designato). Usando le iniziali di questo titolo (Chief of Staff to the Supreme Allied Commander), l'organizzazione venne chiamata chiamata Cossac. Con uno staff composto da personale sia statunitense che britannico, il Cossac iniziò i lavori per la prepaarazione del piano di assalto contro la Fortezza Europa. Entro il luglio 1943 la Plan Outline per Overlord (questo il nome in codice dell'operazione), era pronta per la presentazione ai Capi di Stato Maggiore. Nel mese di agosto dello stesso anno il presidente Roosevelt e il primo ministro Churchill approvarono il piano in occasione della Conferenza di Quebec, ordinando il suo completamento nei dettagli il più rapidamente possibile, in attesa della nomina di un comandante supremo.

Nella creazione del piano, il Cossac era stato informato, con una direttiva dei Capi di Stato Maggiore, che la data prevista per l'operazione avrebbe dovuto essere il 1° maggio 1944 e che per quell'epoca sarebbro stati disponibili mezzi sufficienti per trasportare cinque divisioni. Un totale di 29 divisioni in tutto sarebbe stato a disposizione per l'assalto e per il periodo immediatamente successivo. Di queste, cinque divisioni di fanteria avrebbero dovuto essere contemporaneamente trasportate, tre per l'attacco iniziale e due come rinforzo immediato. Inoltre sarebbero state disponibili due divisioni aviotrasportate e altre due divisioni di fanteria. In totale, quindi, nove divisioni avrebbero dovuto essere inizialmente impiegate nell'assalto e nel rinforzo immediato. Le restanti 20 divisioni sarebbero state disponibili per i movimenti successivi non appena fosse stato possibile schierarle.


I documenti Lingua inglese
 
Torna ai contenuti | Torna al menu